Auto elettrica: cinque buoni motivi per guidarla

Consumi ridotti, impatto ambientale, agevolazioni fiscali: ecco tutti i buoni motivi per i quali scegliere un'auto elettrica.

Attualmente stiamo vivendo una vera e propria fase di transizione nel mondo dell’auto elettrica. Sempre più automobilisti scelgono veicoli elettrici o ibridi. Un fenomeno ancora in divenire, con tecnologie e modelli in continua evoluzione: ma che rappresenta certamente il futuro del settore.

Sono molti, infatti, i motivi per i quali conviene optare per una auto elettrica. Dall’impatto ambientale, alla libertà di circolazione all’estero; dalle prestazioni in costante aumento, alla varietà di scelta che offre il mercato; dai benefici economici, a quelli legati alle modalità di guida. Un mondo su cui vale la pena soffermarsi, perché sono ancora troppi quelli che non ne conoscono davvero le caratteristiche.

Quindi vediamo di analizzare insieme i principali motivi per i quali conviene guidare un veicolo elettrico.

Eco-sostenibilità e consumi

Il vantaggio più evidente di scegliere un’auto elettrica è quello della sostenibilità. Questi veicoli non producono Co2, e non si alimentano con combustibili la cui estrazione danneggia l’ambiente. Dal punto di vista ambientale, quindi l’impatto è enorme: una scelta che con il tempo sta diventando sempre più obbligata e responsabile.

Poi c’è ovviamente anche un grande beneficio dal punto di vista dei consumi. Scegliere questi veicoli impatta veramente in maniera decisiva i costi del carburante. Facendo una stima approssimativa di due mezzi—uno a motore elettrico, e uno a motore termico—e stimando che percorrendo entrambi 20.000 chilometri all’anno, si può arrivare a risparmiare circa il 46 percento in più all’anno sul costo dell’alimentazione.

Auto elettrica senza limiti di frontiera

In moltissime aree urbane d’Europa—in città come Londra, Stoccarda, Amsterdam ecc ecc—l’utilizzo di auto non contrassegnate come poco inquinanti è vietato. Non si può circolare. L’auto elettrica, invece, è ammessa in qualsiasi area ambientale delle varie città europee: e questo ha un peso da considerare quando parliamo di veicoli aziendali destinati a viaggiare molto in giro per il continente. Garantendo la continuità aziendale.

Autonomia

Fino a qualche anno fa, uno dei punti deboli dell’auto elettrica era l’autonomia. La ricarica completa del pacco batteria non consentiva grandissima percorrenza. Adesso, invece, le cose sono cambiate notevolmente: anche senza essere costretti ad appoggiarsi a colonnine di ricarica esterne, l’autonomia dei nuovi veicoli è già sufficiente per un’automobilista medio.

Le autonomie medie dei vari modelli che formano principalmente il mercato, infatti, vanno dai 200 ai 500 chilometri con una singola ricarica completa.

Comfort di guida

Mediamente gli automobilisti che optano per vetture elettriche manifestano grande soddisfazione nell’esperienza di guida. Quasi tutti i modelli hanno ormai un solo pedale, rendendo più comoda la guida. Da prendere in forte considerazione, poi, è l’importanza della guida silenziosa: sono mezzi che emettono pochi rumori.

Queste auto, poi, hanno un sistema di frenata rigenerativa, che rallenta il veicolo progressivamente appena si toglie il piede dall’acceleratore.

Auto elettrica e agevolazioni fiscali

Uno dei maggiori benefici, infine, è quello delle agevolazioni fiscali. Che continuano a crescere. Nella nuova manovra finanziaria, ad esempio, si introducono nuovi incentivi che possono toccare una detrazione pari al 50 percento del valore. Con anche la cessione immediata del credito.

Un’opportunità, insomma, da cominciare a prendere al volo se ancora non eravate convinti. Perché la strada della mobilità futura è già tracciata: è l’auto elettrica. Magari, se in questo momento non ti senti ancora pronto per l’acquisto definitivo, potresti optare per l’ottima soluzione del noleggio a lungo termine.